Baronessa del Belìce® l'Autentico Ficodindia della Valle del Belìce!

Coltivazione, Despinatura e Selezione dei Fichi d’India della Valle del Belìce, semplice da magiare a casa e perfetti l’uso nel settore Ho.Re.Ca.

Come acquistare?

Nella Valle del Belìce, all’estremità occidentale della provincia di Agrigento, a un’altitudine media di 400m sul livello del mare, vengono coltivati i Fichi D’India “Baronessa del Belìce”

Eccellenza del settore agroalimentare tipico del luogo.A Santa Margherita di Belice e nei territori limitrofi, dal 1995 la Cooperativa Agricola GEA, nata sulle orme dell’azienda agricola fondata dalla famiglia Armato Barone nel 1950, produce, seleziona e lavora le piante di fico d’india seguendo i più accurati controlli di qualità. Passione e dedizione fanno dei fichi d’india “Baronessa del Belice” un prodotto rinomato in tutto il territorio nazionale ed estero, per bontà e squisitezza.

Leggi ancora!

La passione è un valore che si tramanda da padre in figlio nella famiglia Armato Barone: una passione tramandata da nonno Nicoló a papà Filippo e, infine, alla giovane Licia.

Fichi d’India Despinati e selezionati con cura

La nostra attività principale è la coltivazione, despinatura e selezione dei Fichi d’India della Valle del Belìce, rendendo più semplice il consumo sia a casa che per l’uso nel settore Ho.Re.Ca. Baronessa del Belìce lavora principalmente tre tipi di frutti (cultivar) che differiscono per la loro colorazione: Sulfarine (gialle), Muscaredde (bianche) e Sanguigne (rosse). I frutti appena raccolti vengono lavorati per rimuovere circa il 95% delle spine, mediante l’impiego di macchinari speciali che lasciano invariate le caratteristiche cosmetiche del prodotto

Come Mangiare una Baronessa?

1. Tieni fermo il fico d’india su un piatto con la forchetta e togli i lati del frutto.

2. Pratica un taglio nella buccia da un lato all’altro senza tagliare la polpa interna e con l’aiuto del coltello rimuovi la buccia

3. Rimuovi il pezzo intero di polpa dal resto della buccia con la forchetta o le dita e mettilo in un piatto pulito o direttamente in bocca!